domenica 5 marzo 2017

Alive and kicking

"You turn me on, you lift me up
And like the sweetest cup I'd share with you.
You lift me up, don't you ever stop,
I'm here with you"

No non ho iniziato a scrivere poesie e non sto delirando. Prendo spunto dalla hit dei Simple Minds del 1985, che tradotta in Italiano suona come "Vivo e vegeto".

Sì, perchè i Bantams sono vivi e vegeti, la crescita del club continua e il futuro di questa società sembra essere sempre più roseo.

Nelle ultime settimane, oltre ad aver seguito i risultati sportivi (dei quali vi aggiorno alla fine) ho preso nota di diverse dichiarazioni/interviste rilasciate dai piani alti dello staff del Bradford, a partire da Greg Abbott, che è ora l'Head Chief Scout dei Bantams.

L'ex manager del Carlisle ha partecipato allo speciale mensile dei Bantams Banter su BBC Radio Leeds, parlando del suo ruolo, degli acquisti di gennaio, dell'academy e del suo punto sulla situazione attuale della squadra.

Trascrivo e riassumo alcuni estratti riguardo gli argomenti citati in precedenza.

Riguardo il mercato:

"Il mio ruolo è quello di mantenere alto il livello della squadra. Fare mercato in un mese non è facile, perchè bisogna fare tutto abbastanza segretamente, cercando di gestire il budget fornito dalla società nella giusta maniera. C'è una grande comunicazione con i proprietari per cercare i profili giusti da portare in squadra prima che qualche altra squadra lo faccia prima di noi. E' stato difficile arrivare a Wyke ma è stato fatto un buon lavoro trattando con il Carlisle e con l'agente del giocatore per riuscire a portarlo a Bradford. Per quel che riguarda James Hanson abbiamo cercato di trovare una soluzione favorevole per entrambe le parti, tenendo conto anche del parere del giocatore."

Dom dei Bantams Banters ha parlato di quanto i tifosi siano rimasti contrariati dalla partenza di Morais.

Abbott a riguardo ha detto: "Non seguo i social ma sono stato abbastanza nel giro per capire cosa i tifosi "sentono" e cosa pensano. Quella di Morais era una situazione particolare in quanto il giocatore comunque non stava trovando molto spazio in squadra."

Dom: "Come vedi i Bantams in questo momento? Pensi che potrebbe andare meglio?"

Abbott: "Potrebbe andare meglio ma potrebbe andare anche molto peggio. Considerando come è iniziata la stagione, con l'arrivo di Stuart (McCall) che ha trovato pochissimi giocatori a disposizione dalla scorsa stagione, nessun membro dello staff rimasto, nuova dirigenza ed il modo in cui è stata gestita questa transazione direi che è stata una buona prima parte di stagione. E nonostante gli automatic spot per la promozione sembrano lontani penso ci sia ancora il tempo per poterli conquistare, perchè le squadre di testa non si possono sedere sugli allori e perchè quelle del centro classifica cercano di giocarsi le loro possibilità, basti vedere l'esempio del Barnsley lo scorso anno. Stuart e la dirigenza sono veramente positivi e sono ben consapevoli di poter riuscire ad arrivare nella top 6."

Greg Abbott ha poi parlato dell'Academy dei Bantams e dei settori giovanili in generale:

"E' importante investire nel settore giovanile e veder crescere calciatori locali, anche se quest'anno la priorità era Stuart e la prima squadra. Il sistema delle giovanili ora è condizionato dalle squadre di Premier League che cercano di portarti via ragazzini giovanissimi, di anche 9/10/11 anni, con il benestare dei genitori, convinti che arriveranno in prima squadra, ma in realtà vivono un sogno che per la maggior parte di loro è irrealistico. E' un sistema sbagliato. I ragazzini locals dovrebbero imparare a mostrare un po' di fedeltà verso la squadra, imparare i principi del gioco e farli giocare un po', poi eventualmente consentire loro un trasferimento. Inoltre possono acquisire certi valori senza avere addosso la pressione che avrebbero in un grande club. E' un percorso normalissimo."

In studio con Tom&Dom c'era anche Jason Mason, CEO dei Bantams che ha parlato del futuro del club:

"Penso che Edin e Stefan abbiano tracciato la linea da seguire per quel che riguarda lo stile di gioco del City nei prossimi anni. I giocatori firmati sono tutti giovani talenti nei loro early 20s. Greg ha detto che non segue molto i social ma io lo faccio, è anche parte del mio lavoro e serve da barometro per controllare il livello di fiducia ed il feedback da parte dei tifosi. E anche voi avete avuto un ruolo importante con uno dei vostri sondaggi, con il 95% degli utenti che vi hanno partecipato che pensano che la squadra sia più forte ora rispetto all'inizio della finestra di mercato. Alcuni tifosi solitamente si aspettano dalle nuove proprietà di fare subito grandi investimenti, ma i business man non fanno così. 6 mesi sono stati positivi ma va bene l'eccitamento per la novità ma dobbiamo pensare a lungo termine ed è affrettato dare qualsiasi tipo di giudizio su squadra/stagione (riferito ai commenti su twitter) non conoscendo i dettagli delle cose. Bisogna essere responsabili della posizione in cui si è ora, quinti Raggiungere la top 2 è irrealistico al momento ma tutto è possibile, la promozione via Wembley è una reale possibilità che si ha rimanendo nella top 6. Il tempo è sempre ciò che darà le risposte giuste. Una sconfitta o una vittoria il sabato non cambia i nostri piani a lungo termine."

Nell'ottica di avere sempre uno stadio pieno anche per la prossima stagione il prezzo del season ticket sarà tra i più bassi dell'intera Football League, 149 sterline per garantirsi un posto al Valley Parade per vedere 23 partite! Prezzi che rimarranno gli stessi indipendentemente dal fatto che i Bantams riescano a salire di categoria o meno. L'asticella è stata innalzata fino a quota 20mila, obiettivo ambizioso e per nulla illusorio, dato che già per 3 volte in questa stagione si è superata quella cifra in termini di presenze al Valley Parade.

La media presenze è di poco più di 18mila spettatori, soltanto dietro ai leader del campionato Sheffield United che ha una media spettatori pari a 20.955 unità.

A 10 giornate dal termine questa è la classifica, con un torneo sempre apertissimo per tutte le posizioni importanti: promozione diretta, playoff, salvezza.



I Bantams hanno più volte perso punti per strada dopo esser riusciti a non vincere match ben giocati, nel quale si è passati anche in vantaggio ma senza ammazzare il match e venendo puntualmente puniti. Il quinto posto è tutt'altro che blindato, con le inseguitrici pronte ad approfittare di qualsiasi passo falso che colpisca le squadre della top 6. Nonostante lo scontro diretto perso contro il Fleetwood ed l'amaro pareggio contro il Bolton, i Bantams sono comunque a soli 5 punti dal secondo posto che vale la promozione diretta in Championship.

La squadra di McCall ha dalla propria una imbattibilità casalinga che dura da 26 partite (record di squadra raggiunto ieri dopo la vittoria contro il Peterborough) e prestazioni convincenti dal punto di vista del gioco. Manca spesso un tocco di incisività per chiudere le partite, ma il City è sui giusti binari per giocarsi a viso aperto questo ultimo scorcio di stagione regolare.

mercoledì 1 febbraio 2017

Cambiamenti a tinte claret&amber

La prima stagione del Bradford sotto la gestione dei nuovi proprietari tedeschi ci ha mostrato il diretto coinvolgimento dei proprietari nella nostra squadra e considerato quanto sia malata la gestione di alcune proprietà con le loro squadre (ad esempio Blackburn, Blackpool e Charlton), possiamo considerarci fortunati.

L'obiettivo da raggiungere è quello di ottenere la promozione in Championship quest'anno o nella prossima stagione ed Rupp e Rahic sono stati ben chiari riguardo le loro disponibilità finanziarie e sulla necessità di dover rinforzare la squadra.

Riportare McCall alla base dopo diversi anni è stata una buona mossa fino ad ora. Quando fu nominato manager dei Bantams ho pensato che fosse una sorta di sponsor per "pubblicizzare" la nuova proprietà, probabilmente perchè non conoscevo i nuovi proprietari e certamente non potevo fidarmi di loro, mi ero sicuramente fatto un'opinione sbagliata su di loro.

E mi sbagliavo perchè sotto McCall la squadra gioca un bel calcio e ho sottovalutato le capacità di Stuart. Ma abbiamo ancora un grande problema quando si tratta di segnare ed è esilarante come questo problema si presenti ogni stagione da quando il City è tornato in League One 4 stagioni fa.

Gol segnati:

2013/2014 ----> 57
2014/2015 ----> 55
2015/2016 ----> 55 (57 considerando i playoff)

In questa stagione i gol segnati sono stati 36 in 29 gare...

Perciò quale è la soluzione? Ci siamo levati di torno Vukcic, McNulty, Rabiega e... venduto James Hanson. Hanson, Bantams' hero, colui che non avremmo mai pensato potesse essere venduto. Ma è successo. Venduto allo Sheffield United per una cifra non resa nota alla stampa, ma si parla di una cifra comunque vicina (se non superiore) alle 200mila sterline. Hanson aveva bisogno di certezze per il suo futuro e misurarsi con una nuova sfida, perciò ha reagito con entusiasmo alla chiamata delle Blades.



Il Bradford City lo comprò dal Guiseley nel 2009 pagandolo 7500 sterline. Ha giocato 335 partite in tutte le competizioni segnando 91 reti. James sarai sempre l'eroe del Villa

Park, il ragazzo che "used to work at the co-op", perciò buona fortuna ragazzo, in bocca al lupo!


Tutti questi giocatori sono stati sostituiti da due importanti acquisti. Uno è stato Alex Jones, acquistato dal Birmingham per una cifra non resa nota. Jones ha giocato la prima parte di stagione in prestito al Port Vale segnando 9 gol. Ma il colpo grosso è stato l'acquisto di Charlie Wyke dal Carlisle per una cifra non resa nota, ma più di una voce di corridoio ha stimato la cifra di 250mila sterline. Charlie ha segnato 17 gol fino ad ora in questa stagione. I due giocatori si uniranno a di Hiwula e Clarke nel fronte offensivo.

Altri rinforzi di questo mercato di gennaio: Jacob Hanson, 19 anni, difensore centrale, arriva a titolo definitivo dall'Huddersfield. Inoltre alcuni giocatori arrivati in prestito fino alla fine della stagione: Kevin Toner, 20 anni, altro difensore centrale, in prestito dall'Aston Villa, nel quale ha giocato anche alcune partite nel finale di stagione dello scorso anno in prima squadra. Matthew Penney, terzino 18enne arrivato in prestito dallo Sheffield Wednesday ed infine Alex Gilliead, 20 anni, in prestito dal Newcastle. Ha giocato 18 gare al Luton in questa stagione come ala destra e fa parte del giro delle nazionali giovanili inglesi.

Sarà abbastanza per qualificarsi ai playoff e raggiungere l'obiettivo promozione?

Vorrei finire questo posto ringraziando un altro bravo ragazzo, Filipe Morais, che ha segnato il temporaneo 2-2 contro il Chelsea nel famoso upset di Fa Cup a Stamford Bridge, contro il Chelsea. due anni fa. Il giocatore portoghese ha rescisso consensualmente il contratto con la società. Obrigado Filipe!!!

rEVOLutionary C&A changements!


The first season under the new German ownership has shown us a direct involvement by Rahic and Rupp in our team and considering how sick is the way to run a club by some ownerships in the Football League (Blackpool, Blackburn and Charlton, for example) so we can consider ourself lucky.

The target to reach is the promotion in Championship this year (maybe via playoff) or next season and the owners have been clear about their financial liquidity and the necessity to reinforce the team buying new players.

Bring McCall back after several years has been a good move so far. When they appointed him I personally thought was a kind of "advertisement" for the new ownership, but probably because I didn't know them and probably didn't trust them, so I was completely wrong.

I was wrong because the squad play a good football and because I had underrated Stuart's capacities. But we still have a big problem when we have to score goals and it's hilarious how this problem shows up every season (and I wrote a post last year about this) from our return in League One 4 seasons ago:

Goal scored:
2013/2014 ---> 57
2014/2015 ---> 55
2015/2016 ---> 55 (57 considering the playoff)

This season the goal scored are 36 in 29 games...

So what's the solution? We got rid of Vukcic, McNulty, Rabiega and... sold James Hanson. Hanson, Bantams' hero, the guy that we never though could be sold to someone else. But it happened. Sold to Sheffield United for an undisclosed fee (rumours said we cashed about 200k for this transfer). Hanson wanted to secure his future and have a new challenge, and Blades' call definitely made him up




Bradford City signed him from Guiseley for 7500£. He played 335 games in all competition scoring 91 goals. James you will always be the Villa Park hero, the guy who "used to work at the co-op". so good luck lad, all the best! 💖



All these players have been replaced from Alex Jones, signed from Birmingham (undisclosed fee), who played his first part of the season with Port Vale, scoring 9 goals, and Charlie Wyke, 24, signed from Carlisle for an undisclosed fee (250,000£?) where he scored 17 goals this season. They'll play along with Hiwula e Billy Clarke.

Other reinforces have been arrived at Valley Parade in this January: Jacob Hanson, 19, centre-half (or right-back), signed from Huddersfield for an undisclosed fee, a couple of players on loan until the end of the season. Kevin Toner, 20, from Aston Villa, he plays as centre-half; Matthew Penney, 18, full back, from Sheffield Wednesday and Alex Gilliead, 20, promising right-wing on loan from Newcastle, who played 18 games for Luton Town this season.

Will it be enough to qualify to the playoff and reach the target?

I would like to finish this post thanking another good fella, Filipe Morais, who scored the temporary 2-2 against Chelsea in that famous Fa Cup Upset at Stamford Bridge, 2 years ago. The Portuguese has left the club by mutual consent. Obrigado Filipe!!!

domenica 9 ottobre 2016

Vietato soffrire di vertigini!

La faccia dei tifosi Bantams dopo questo inizio di stagione.
Siamo giunti al primo quarto di questa stagione e si possono trarre i primi bilanci. I Bantams sembrano essere in palla. Imbattuti in tutte le competizioni dall'inizio della stagione (e nonostante questo c'è stata l'eliminazione ai rigori al primo turno di League Cup) la squadra di McCall è seconda in campionato con 24 punti, frutto di 6 vittorie e 6 pareggi, alle spalle dello Scunthorpe dell'incredibile Josh Morris, il cui contratto non era stato rinnovato al termine della passata stagione, ma che al momento è addirittura il capocannoniere degli
Irons con 12 reti segnate nelle prime 14 partite stagionali.

E sono invece 15 in 12 partite le reti segnate dai Bantams, ciò per adesso non rappresenta u segnale di allarme considerando il buon rendimento difensivo (al quale arriveremo tra poco) ma potrebbe rappresentare un problema qualora la squadra cadesse in qualche periodo di scarsa forma. Il miglior marcatore al momento è Billy Clarke con 4 reti segnate ma nessun altro nel reparto offensivo tra Hiwula, Hanson e McNulty sembra avere quel potenziale da 20/22 reti che serve alla squadra. Rabiega è una riserva e Vuckic è più un trequartista adattabile come seconda punta. Basterà anche quest'anno puntare sulla tenuta difensiva per provare ad ottenere il dichiarato obiettivo promozione?

Dopo il primo quarto di campionato...
Il reparto difensivo è quello che appare più assortito in casa Bantams. Mr 1 pound Doyle è l'ultimo baluardo da superare e per ora se la sta cavando abbastanza bene nonostante un po' di dubbi iniziali dovuti al fatto di aver giocato nel disastrato (e retrocesso in L2) Blackpool lo scorso anno. Knight-Percival e Vincelot sembrano aver blindato la loro posizione nella gerarchia dei difensori centrali ma dietro di loro scalpitano comunque altri ottimi difensori come McArdle, appena recuperato da un infortunio, Nathan Clarke e l'esperto Stephen Kilgallon. E' un lusso avere diversi giocatori di così alta qualità, ma temo che non ci sarà spazio per tutti e qualcuno dovrà abbandonare la squadra in caso di scarso impiego da parte di McCall. Unici punti fermi del passato sono sempre Darby a destra e Meredith a sinistra. Nelle ultime 25 partite di campionato il City ha concesso più di una rete soltanto in una occasione, nella semifinale d'andata dei playoff contro il Millwall, dove perse per 3-1, compromettendo di fatto la possibilità di poter andare a Wembley.

La mediana funziona. Cullen è un fuoriclasse per questa categoria, un autentico faro in mezzo al campo. Impossibile fare a meno di questo talento degli Hammers anche se le chiamate dell'Eire U21 gli fanno perdere diverse gare coi Bantams, come accadrà nei prossimi giorni purtroppo (ieri ha saltato la gara con lo Shrewsbury). Ma anche Nicky Law è una garanzia: è l'uomo di fiducia di McCall, ha ricoperto fino ad ora tutte le posizioni del centrocampo, con discreto rendimento. Morais, finalmente recuperato e Marshall sono le frecce che devono far male con McMahon che con la sua duttilità può giocare da terzino destro ed esterno di centrocampo, anche se ora resterà fuori per qualche settimana a causa di un infortunio alla coscia rimediato in allenamento. Devine è sempre pronto a subentrare qualora ci fosse bisogno di lui e per adesso il 18enne non ha sfigurato negli oltre 500 minuti circa già giocati con la prima squadra. Dieng è infine la diga che in mezzo al campo è deputato nel recuperare palloni da donare a qualcuno dai piedi buoni.
Il buon Nicky Law

Questo è il quadro della situazione e le gerarchie che al momento sembrano essere queste. McCall è certamente soddisfatto delle prestazioni dei suoi anche se possono esserci dei miglioramenti. Come già detto in attacco bisogna essere più incisivi, e chiudendo le partite quando si hanno diverse opportunità da rete (vedi pareggio con il Bristol Rovers) e creando maggiori occasioni da rete in altre partite. Serve una sorta di compromesso e maggior precisione sotto-porta ma la strada sembra essere quella giusta.

Ci sono due importanti novità, tra le altre notizie:
- Robert Lossau, il preparatore atletico, ha lasciato il proprio ruolo per motivi personali;
- Il nuovo tabellone sarà pronto e utilizzato per la prima volta il 22 ottobre prossimo nella gara del Valley Parade contro lo Sheffield United.

lunedì 25 luglio 2016

Il nuovo City prende forma

Stuart McCall lavora senza sosta per avere una squadra completa per l'inizio della stagione e ha subito deciso di puntare su un suo uomo di fiducia: Nicky Law.

Il centrocampista 28enne non è un volto nuovo al Valley Parade in quanto abbia già fatto parte della squadra per due volte nel 2007 e nell'intera stagione successiva, sempre sotto la guida di McCall. Dopo aver passato due stagioni al Rotherham si è poi trasferito in Scozia, seguendo ancora una volta il suo mentore, prima al Motherwell e poi ai Rangers. Ha firmato un contratto di due anni.

In difesa invece è arrivato Knight-Percival a titolo gratuito, dopo aver rifiutato il rinnovo del contratto con lo Shrewsbury Town, sua squadra negli ultimi 2 anni. Il 29enne londinese si è formato nell'Histon, giocandoci per 6 anni, prima di approare a Wrexham e poi Peterborough. Anche per lui due anni di contratto.

Coperto anche il posto da titolare tra i pali, con l'arrivo di Colin Doyle dal Blackpool. Per 12 anni è stato portiere di riserva nel Birmingham, nel quale ha giocato soltanto 31 partite, 31 delle quali in Europa League nella stagione 2011/2012. Ha poi giocato in prestito per Chester, Nott Forest e Millwall e Coventry anche se in questo ultimo caso rimase per un solo giorno a causa dell'infortunio di Foster, allora portiere del Birmingham che costrinse i Blues a richiamare immediatamente Doyle alla base. L'acquisto di Doyle ha destato curiosità perchè il giocatore è stato acquistato per la simbolica cifra di 1 sterlina, cioè la clausola rescissoria attivatasi dopo la retrocessione del Blackpool in League Two. Nonostante la disastrosa stagione delle Tangerines Doyle ha collezionato 11 clean sheets in 35 gare nella scorsa stagione.

In mediana arriva un centrocampista difensivo francese di nome Timothee Dieng. Francese, classe '92, è cresciuto calcisticamente nel Brest, che ha debuttato in Ligue 1 nel 2013 in una gara persa contro il PSG. Ha poi avuto rare occasioni di giocare per la prima squadra, giocando soprattutto nella squadra B del team. Nel 2014 il trasferimento in Inghilterra, dove ha indossato la maglia dell'Oldham, giocando 68 partite in totale per i Latics.

Il reparto offensivo si è arricchito con l'arrivo del giovane Jordy Hiwula. L'attaccante 21enne è arrivato in prestito dall'Huddersfield, anche se con la maglia dei terriers non ha mai giocato un minuto da quando è stato firmato nell'estate dello scorso anno. Ha giocato nelle giovanili del Manchester City e si è messo in evidenza nella Premier League U21 nella stagione 2013-2014, segnando 20 gol in 31 gare. Le sue prestazioni gli sono valse il primo contratto da professionista e le prime presenze tra i professionisti, giocando in prestito per Yeovil e Walsall, oltre alle esperienze con Wigan e ancora Walsall, quando era però già passato all'Huddersfield.

Firmato un altro portiere, che probabilmente sarà il secondo di Doyle. Si chiama Rouven Sattelmaier, tedesco di 28 anni con esperienze nella seconda squadra del Bayern Munich e più recentemente in terza divisione tedesca con Heidenheim prima e Kickers Stoccarda poi.

Il più recente acquisto è invece un buon colpo per il centrocampo. Romain Vincelot, 30enne francese prelevato dal Coventry per una cifra che dovrebbe essere appena inferiore alle 100mila sterline (arriva da fonti non ufficiali). Vincelot ha iniziato la sua carriera nel suo paese giocando per Chamois Niortais e Guegnon soprattutto in terza serie, con sporadiche apparizioni in Ligue2. Poi il passaggio in Inghilterra dove ha vestito le maglie di Dag&Red, Brighton e Leyton Orient, prima di vestire per una sola stagione la maglia degli Skyblues.

Per quel che riguarda il capitolo cessioni Proctor è passato a titolo gratuito al Bolton, chiudendo la sua brevissima esperienza con i Bantams. Era arrivato in prestito nel gennaio di quest'anno nell'operazione che aveva portato Devante Cole al Fleetwood a titolo definitivo. Aveva poi firmato un contratto con il City fino alla fine della stagione, ma il suo contratto non è stato rinnovato.

Greg Leigh è un altro giocatore che ha lasciato la squadra, firmando per il Bury. Per il terzino 6 presenze e un gol nell'unica stagione del giocatore al Valley Parade.

Rinnovi di contratto per Nathan Clarke, Joe Cracknell ed il giovane dell'academy James King.

Novità anche tra lo staff tecnico. Arrivano il preparatore dei portieri Steve Banks, dal Blackpool ed il preparatore atletico Robert Lossau, tedesco, ha già collaborato con Wolfsburg e con la federazione calcistica tedesca. Chris Royston è il nuovo capo dei fisioterapisti. Nato proprio a Bradford Royston dal 2011 lavorava già con la società, coinvolto in prima squadra, con quella riserve e con le squadre giovanili. Il coaching staff si arricchisce poi con l'arrivo di un'altra leggenda del club, Greg Abbott, nel ruolo di Capo degli osservatori. Greg non ha bisogno di presentazioni, avendo trascorso da giocatore ben 9 anni della sua carriera, dal 1982 al 1991.


Ci sono infine da riportare i risultati delle amichevoli fin qui giocate dalla squadra di McCall.

9 luglio: Guiseley - Bantams 1-1
16 luglio: Gateshead - Bantams 1-2
19 luglio: St Johnstone - Bantams 2-0
23 luglio: Bantams - Burnley 1-4

Le prossime due amichevoli contro Bradford Park Avene (A) e Carlisle (H) saranno le ultime prima dell'inizio del campionato, in programma il 6 agosto al Valley Parade contro il Port Vale.

Da registrare una conferma dei rinnovi degli abbonamenti dello scorso anno, grazie al rinnovo della campagna #149. Siamo arrivati a quota 17.500 season tickets staccati. Ancora una risposta straordinaria da parte dei tifosi che riempiranno il Valley Parade anche nella prossima stagione.

sabato 25 giugno 2016

Work in progress al Valley Parade.

New owners: done
New manager: done
League One fixtures: done
Signings: not available.

Questa la situazione attuale al Valley Parade. Abbiamo già parlato della nuova proprietà e del nuovo manager. E' ora tempo di andare a vedere il calendario della League One, sorteggiato 3 giorni fa ed i movimenti di mercato avvenuti fino ad ora.

Le fixtures sono sempre un momento atteso dai tifosi d'oltremanica, si inizia a pensare alle trasferte da fare e a pianificare i propri impegni in base alle partite della propria squadra.

I Bantams esordiranno il 6 agosto al Valley Parade contro il Port Vale, prima di affrontare il Peterborough nella prima gara esterna della stagione. Tra le due gare ci sarà l'impegno di Coppa di Lega (rinominata EFL Cup in questa stagione) contro l'Accrington, compagine di League Two che ha visto sfumare di un soffio la promozione diretta nella stagione passata.

Lo Scunthorpe United sarà la squadra ospite del Bradford City al Valley Parade per il Boxing Day. Altre date da segnare nel calendario sono la gara con il Millwall al The Den, ultima squadra affrontata lo scorso anno ai playoffs il 3 di  settembre ed il ritorno di Phil Parkinson a Bradford, sulla panchina del Bolton il 18 febbraio prossimo.

Qua di seguito il calendario completo della League One.



E passiamo ora al cantiere a cielo aperto che c'è al Valley Parade. McCall si è appena insediato e porterà volti nuovi al più presto. Ci sono però da registrare soltanto movimenti in uscita, soprattutto di giocatori ai quali non è stato rinnovato il contratto in scadenza e per la fine dei prestiti.

Burke e Cullen (West Ham), Evans (Wolves), Thorpe (Rotherham), Reid (Preston North End) sono tornati alla loro squadra di appartenenza dopo la fine del prestito.

Passiamo ora alla lunga lista di giocatori che lasciano a parametro zero i Bantams:

- Billy Knott ha lasciato i Bantams dopo due stagioni e 79 presenze. Verrà sicuramente ricordato per il gol del pareggio segnato al Leeds nella rimonta dei Bantams al Valley Parade negli ultimi minuti di partita del secondo turno di Coppa di Lega due stagioni fa. Ha firmato per il Gillingham;

- Alan Sheehan ha firmato per il Luton Town;

- Cristopher Routis ha firmato per il Ross County, squadra degli ex Bantams De Vita e Andrew Davies;

- Ben Williams ha firmato un contratto di due anni con il Bury. 78 presenze in due stagioni per lui e 22 clean sheets nell'ultima stagione di League One;

- Josh Morris ha firmato per lo Scunthorpe;

- Steven Davies, Dylan Mottley-Henry e Sam Wright sono liberi di cercarsi una nuova squadra.

Ci sono altri giocatori in bilico con i quali si è discusso del rinnovo ma dei quali non si hanno notizie e si tratta di Leigh, Proctor, Clarke, Cracknell e King.

Il calendario delle amichevoli estive è stato già definito quasi del tutto:

- 09/07 Guiseley (A);
- 19/07 St Johnstone (A), i Bantams rimarranno circa una settimana in Scozia, da non escludere un'altra amichevole;
- 23/07 Burnley (H);
- 27/07 Bradford Park Avenue (A);
- 30/07 Carlisle (H).

E questo è quanto. McCall come già detto è a lavoro per cercare di portare tanti volti nuovi al Valley Parade prima dell'inizio della nuova stagione, disponendo anche di denaro liquido per poter acquistare giocatori da altre squadre e non solo parametri zero.

mercoledì 22 giugno 2016

McCall: "La decisione di tornare a Bradford non è stata dettata dalle emozioni"

Conferenza stampa di presentazione del nuovo manager del Bradford City, Stuart McCall quest'oggi al Valley Parade.

"Non vedo l'ora di affrontare questa sfida. E' una fantastica opportunità. Stavo cercando di essere coinvolto di nuovo in una esperienza di manager a tempo pieno ma volevo trovare un club che avesse una buona fan-base, una buona struttura societaria e un club che fosse in linea con le mie ambizioni. 

La decisione di tornare non è stata dettata dalle emozioni. Ho guardato alle infrastrutture di questo club e so che può fare tanta strada. Ho il desiderio e la determinazione di avere successo.

I due proprietari sono entusiasti e ed energici ed i miei incontri con loro sono stati molto positivi. Vogliamo tutti continuare a lavorare bene come nel corso degli ultimi anni. Il club è completamente diverso dalla prima volta in cui sono venuto qui (da manager) nove anni fa e sono un manager diverso ora. Ho lavorato in Champions League, Europa League, finali di Coppa da quando ho lasciato Bradford. Sono molto più esperto e preparato.


Stuart McCall, 52 anni, ha già allenato i Bantams
dal 2007 al 2010.

(©Thomas Gadd Photography)
Qualcosa che non cambierà mai è la mia positività, la mia energia ed il mio desiderio. Il club si è mosso nella giusta direzione negli ultimi anni e non vogliamo fermarci. Non vedo l'ora di iniziare ed incontrare i giocatori. Sono stato al campo di allenamento ed è completamente cambiato dall'ultima volta in cui sono stato qui. La struttura è qui, la fan base, ovviamente, è qui. Sono andato ad un paio di gare del City la scorsa stagione e l'atmosfera era magnifica. Dobbiamo ora solo costruire su questo ed essere positivi. I supporters sono veramente il nostro dodicesimo uomo in campo qui e vogliamo regalare loro il tipo di calcio che li ecciti.

Al momento non abbiamo una squadra numericamente grande ma abbiamo una buona eredità di buoni giocatori. Il mercato dei prestiti è molto importante. Tante squadre, incluso il Barnsley lo scorso anno li hanno usati a loro vantaggio in questa divisione. E questa può essere la chiave, soprattutto con i prestiti a breve termine alla fine della stagione. Stiamo provando a prendere giocatori il più presto possibile. Che siano giocatori in prestito, grandi acquisti o giocatori giovani dobbiamo cercare di costruire la miglior squadra possibile. Stiamo cercando di migliorare la squadra in tutti i reparti.

Sappiamo che c'è un buco a centrocampo dopo che Evans e Cullen sono tornati alle loro rispettive squadre dopo la fine dei prestiti. Come mi ha detto Edin Rahic non cerchiamo giocatori che siano disponibili a venire da noi, cerchiamo quelli buoni.

Stiamo inoltre cercando membri per lo staff tecnico. Ci serviranno un preparatore dei portieri un osservatore ed un preparatore atletico. Ne stiamo discutendo con i chairmen ed è qualcosa che stiamo cercando di risolvere.

Ho già portato Kenny in squadra ed è uno stacanovista."

McCall ha inoltre rinunciato all'incarico nel backroom staff della nazionale scozzese, agli ordini di Gordon Strachan, volendosi concentrare al 100% sul suo nuovo impegno.

"Ho avuto 3 anni fantastici, ho imparato tanto da Gordon e lavorato con tanti buoni giocatori ma non posso andare avanti perchè le nostre partite sarebbero nello stesso periodo delle gare delle nazionali. Ho rifiutato un paio di offerte negli ultimi 18 mesi perchè sarebbe dovuto significare lasciare la Scozia e non potevo lasciare quel lavoro."